Ingegneria Clinica

Corso di laurea
Doppio titolo italo-venezuelano

Laurearsi

Il laureando, in maniera autonoma e a seconda della tipologia della tesi, dovrà:

· proporre soluzioni al problema proposto utilizzando eventualmente un modello che consenta di analizzare la risposta del sistema in corrispondenza a variazioni delle variabili caratteristiche del sistema stesso;

· nel caso di lavoro sperimentale, elaborare un piano della sperimentazione finalizzato all'ottenimento dei risultati desiderati per consentire l'applicazione dei risultati sperimentali. nel caso di lavoro progettuale dovranno essere tenuti fra l'altro presenti gli aspetti tecnologici, economici, della sicurezza e dell'impatto ambientale giungendo ad un dimensionamento di impianto o di apparato.

La votazione finale viene attribuita tenendo conto della autonomia e del contributo effettivo dello studente fornito durante l’attività di tesi nonché del curriculum di studi dello studente stesso.

La Commissione per la valutazione della prova finale è di norma costituita dai docenti sotto la cui supervisione è stato svolto l’elaborato eventualmente integrati con membri del CdA di Ingegneria Clinica e Biomedica.